ISTAT: lieve flessione congiunturale del numero delle compravendite nel III trimestre 2018; meglio il centro Italia

INDICE-GENERALE-COMPRAVENDITE-immobili-I-trimestre-2006-III-trimestre-2018

Nel terzo trimestre 2018 le convenzioni notarili di compravendita e le altre convenzioni relative ad atti traslativi a titolo oneroso per unità immobiliari (175.102), diminuiscono dello 0,8% rispetto al trimestre precedente (-0,2% il settore abitativo e -10,9% l’economico).

Il settore abitativo segna variazioni congiunturali positive al Centro (+0,9%), nel Nord-est (+0,8%) e nelle Isole (+0,6%). Negative nel Nord-ovest (-1,2%) e al Sud (-1,1%).
Per il comparto economico si registrano flessioni marcate nel Nord-ovest (-21,8%) e nel Nord-est (-11,6%), meno ampie nelle Isole (-6,1%) e al Sud (-3,4%) e segnali espansivi al Centro (+2,3%).

Su base annua le transazioni immobiliari aumentano complessivamente dell1,6%. La crescita riguarda il comparto dell’abitativo (+3,9%) mentre l’economico registra un calo del 27,1%.

Continua la lettura

EUROSTAT: crescita tendenziale dei prezzi delle case in Europa nel III trimestre del 2018, tranne in Italia (-0,8%) e Svezia

Prezzi-delle-case-tasso-di-variazione-annuale-per-l'area-Euro-e-UE

I prezzi delle abitazioni, misurati dall’indice dei prezzi delle abitazioni, sono aumentati del 4,3% nell’area dell’Euro e nell’UE nel terzo trimestre del 2018, rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.

Queste cifre provengono da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea.

Rispetto al secondo trimestre del 2018, i prezzi delle case sono aumentati dell’1,6% nell’area dell’Euro e dell’1,5% nell’UE, nel terzo trimestre del 2018.

Continua la lettura

Indagine Fimaa-Confcommercio: compravendite residenziali in aumento del 5% nel 2018 (previste +9% nel 2019), prezzi in calo (-1,4%)

Prezzi-abitazioni-1970-2018
Crescono in media del 5% nel 2018 le compravendite immobiliari residenziali, nelle grandi città, nei capoluoghi di provincia e nei comuni minori italiani, rispetto all’anno precedente.
Ma l’andamento di compravendite e prezzi degli immobili non va ancora di pari passo: il dato medio nazionale segna infatti un calo dei valori dell’1,4%, con ribassi fino al 2,4% se si considerano le città minori (non capoluogo di provincia).

Nello specifico, Roma evidenzia un aumento percentuale tendenziale del 3% nel I trimestre 2018, tempi di vendita medi di 7 mesi ed uno sconto medio del 10% sul prezzo di vendita.

Continua la lettura

Mercato immobiliare: le province restano in crisi, mentre alcune metropoli chiudono il 2018 in ripresa

Per quanto riguarda i prezzi richiesti, il mercato immobiliare italiano viaggia a due velocità: da un lato le grandi città in un buono stato di salute che si traduce in prezzi tornati a salire, dall’altro le province ancora in sofferenza, soprattutto sul fronte della domanda.
Lo scenario è confermato dai dati dell’ultimo Osservatorio di Immobiliare.it sul mercato residenziale in Italia nel 2018.

Roma non segue ancora il trend di ripresa delle grandi città e, in un anno, i prezzi richiesti nella Capitale sono scesi ancora dell1,8%.

Se – a livello nazionale – dicembre si è concluso con un calo dei prezzi dello 0,8% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, le città con più di 250.000 abitanti vedono crescere le cifre richieste per le abitazioni dello 0,4%, contro una perdita di oltre l’1% per i centri più piccoli.

Continua la lettura

ISTAT: in decremento il numero di nuove abitazioni nel II trimestre 2018, con lieve incremento delle superfici

SUPERFICIE-UTILE-ABITABILE-E-NON-RESIDENZIALE-NUMERO-DI-ABITAZIONI
Nel secondo trimestre del 2018 si stima che i permessi di costruire relativi al comparto residenziale registrino, al netto della stagionalità, una diminuzione congiunturale del 2,0% per il numero di abitazioni e un lieve incremento per la superficie utile abitabile (+0,4%).

La superficie in fabbricati non residenziali cala in misura rilevante (-18,6%), confrontandosi tuttavia con il livello destagionalizzato particolarmente elevato raggiunto nel primo trimestre dello scorso anno.

Continua la lettura

ISTAT: nuova flessione congiunturale dei prezzi nel III trimestre 2018, con dinamiche differenti per le abitazioni nuove

Istat-indice-prezzi-primo-trimestre-2010-terzo-trimestre-2018
Secondo le stime preliminari, nel terzo trimestre 2018 l’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie per fini abitativi o per investimento, diminuisce dello 0,8% sia rispetto al trimestre precedente, sia nei confronti dello stesso periodo del 2017 (era -0,4% nel secondo trimestre 2018).

La flessione tendenziale dell’IPAB è da attribuire unicamente ai prezzi delle abitazioni esistenti, che registrano una variazione negativa pari a -1,3% (era -0,8% nel trimestre precedente).
I prezzi delle abitazioni nuove, invece, accelerano su base tendenziale passando dal +1,2% del secondo trimestre del 2018 al +1,4% del terzo trimestre.

Continua la lettura