CASA: un acquisto su 6 è per investimento

Comprare un’abitazione per trarne un reddito.
In Italia, secondo le ultime rilevazioni, accade sempre più spesso.
E a confermarlo c’è un’analisi dell’Osservatorio Nomisma, secondo cui nelle grandi città un acquisto di immobile su sei (poco più del 15% del totale) è motivato dalla prospettiva di cercare inquilini.

A guidare questo trend sono le città d’arte: a Venezia su 100 acquisti ben 36 vengono effettuati con l’obiettivo di affittare l’abitazione, a Firenze invece questo accade nel 22,9% dei casi.
A seguire Milano col 18%, mentre Roma è sotto media con il 10%.

La casa, dunque, torna a essere un bene rifugio come è avvenuto per molti anni.

Continua la lettura

ISTAT – II trimestre 2018: Pil +0,2% sul trimestre precedente e +1,1% tendenziale

Istat--prodotto-interno-lordo-dal-2006-al-secondo-trimestre-2018

Nel secondo trimestre del 2018 – secondo le stime preliminari – si stima che il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, sia aumentato dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dell’1,1% in termini tendenziali.

Nel secondo trimestre del 2018 la dinamica dell’economia italiana ha segnato un rallentamento, registrando un incremento inferiore a quello dei 6 trimestri precedenti.
La graduale decelerazione emersa nel periodo recente si riflette in un ulteriore ridimensionamento del tasso di crescita tendenziale che scende all’1,1%.

Continua la lettura

NOTARIATO: nel biennio 2016-2017, +9,33% per il numero di compravendite dei fabbricati abitativi con netto calo dei valori medi

2018-COMPRAVENDITE-DI-BENI-IMMOBILI-PER-DISTRIBUZIONE-REGIONALE
È stato recentemente pubblicato il quarto Rapporto Dati Statistici Notarili (DSN), che offre una analisi comparativa degli anni 2017 e 2016 sull’andamento del mercato immobiliare, mobiliare, mutui, atti di donazione e costituzione di imprese.
Per il 2016 e 2017 sono state così analizzate rispettivamente 3.689.226 e 3.698.695 transazioni, con le medesime caratteristiche, che hanno dato origine alle seguenti risultanze:

COMPRAVENDITE:
Tra il 2016 e il 2017 vi è stato un aumento delle compravendite di beni immobili pari al +6,79%, con un +6,96% se osserviamo la compravendita dei soli fabbricati ed un +9,33% se si analizza la vendita dei soli fabbricati abitativi.

Continua la lettura

Mutui: l’importo medio erogato diminuisce del 6,4% in un anno, l’83.5% sceglie il fisso

Risultati in chiaroscuro sul fronte dei mutui nei primi sei mesi dell’anno. È questo il bilancio emerso dall’osservatorio congiunto Facile.it-Mutui.it, realizzato su un campione di oltre 40.000 domande presentate dal 01 gennaio al 30 giugno scorsi.

L’analisi evidenzia che, a giugno 2018, l’importo medio richiesto dagli aspiranti mutuatari ha raggiunto il valore massimo del semestre (134.451 Euro), segnando un incremento pari al 3% su base semestrale e al 2,1% su base annuale.

Continua la lettura

NOMISMA: diminuisce il numero di famiglie che vive in casa di proprietà, aumenta la propensione per la locazione e l’investimento

“Le difficoltà di accesso al mercato dell’acquisto, per le fasce più colpite dalla crisi, ha determinato un passaggio della domanda verso la locazione”, si legge nel report presentato ieri da Nomisma con l’Osservatorio sul Mercato Immobiliare.

Nel 2010, il 77,8% dei nuclei italiani viveva in case di proprietà, il 15,9% in affitto.
Oggi i proprietari si sono ridotti al 70,3%, a causa delle minori risorse per acquistare (9,2 milioni di famiglie non riescono ad accedere al mutuo, con uno stipendio che non supera i 1.200 Euro al mese) e della convenienza in termini di spese per tasse e manutenzione.
È bene tenere in considerazione, comunque, che per le nuove generazioni questa decisione si avvicina a un’idea di casa “come servizio in una logica di flessibilità dei progetti di vita”.

Continua la lettura

NOTARIATO: le statistiche sul Mercato immobiliare del 2017

II-semestre-2018---numero-compravendite-per-100.000-abitantiIl rapporto dei dati statistici dell’attività notarile rilevati dal Settore Informatico del Consiglio Nazionale del Notariato, è arrivato alla terza pubblicazione.
Si tratta dei dati relativi all’attività notarile svolta dal 1° gennaio al 31 dicembre 2017.

Il primato relativo alla densità di compravendite per abitanti passa alla Valle d’Aosta (che è arrivata a toccare nel II semestre la quota record di 1.309 compravendite per 100.000 abitanti) seguita dalla Liguria e dal Friuli Venezia Giulia.
Unica Regione ad aver avuto un calo di compravendite tra il I e il II semestre è la Campania con un -2,34%.

Continua la lettura