EUROSTAT: crescita tendenziale dei prezzi delle case in Europa nel III trimestre del 2018, tranne in Italia (-0,8%) e Svezia

Prezzi-delle-case-tasso-di-variazione-annuale-per-l'area-Euro-e-UE

I prezzi delle abitazioni, misurati dall’indice dei prezzi delle abitazioni, sono aumentati del 4,3% nell’area dell’Euro e nell’UE nel terzo trimestre del 2018, rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.

Queste cifre provengono da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea.

Rispetto al secondo trimestre del 2018, i prezzi delle case sono aumentati dell’1,6% nell’area dell’Euro e dell’1,5% nell’UE, nel terzo trimestre del 2018.

Continua la lettura

Investimenti 2019: solo i prodotti finanziari battono il mattone nelle intenzioni degli italiani

Osservatorio-mensile-di-Findomestic-Doxa-intenzioni-CASA
Circa un italiano su due non prevede di effettuare investimenti, di qualsiasi tipologia, nel corso del 2019. Tra chi è interessato a farlo, il 10% si orienterà sui beni immobiliari.

È quanto reso noto pochi giorni fa dall’osservatorio mensile di Findomestic, realizzato in collaborazione con Doxa, sugli investimenti degli italiani.

Continua la lettura

Investimenti immobiliari in Europa: il trend secondo i professionisti del settore

Roma-prospettive-di-investimento-dal-2000-al-2019
Molti intervistati dagli “Emerging Trends in Real Estate 2019″, pubblicato da PwC and the Urban Land Institute, rispondono che vorrebbero investire a Roma, citando il suo potenziale e la necessità di capitale, ma la visione prevalente è che la città richiederebbe molto lavoro ed è troppo imprevedibile.
La città non sta migliorando e non è aiutata dalla volatilità politica nazionale del Paese, che rappresenta il motivo per cui si trovi ancora una volta nella parte finale delle classifiche.

Roma occupa stabilmente, anche per questo, la 28esima posizione nell’elenco delle città europee più attrative per gli investimenti..

Continua la lettura

Indagine Fimaa-Confcommercio: compravendite residenziali in aumento del 5% nel 2018 (previste +9% nel 2019), prezzi in calo (-1,4%)

Prezzi-abitazioni-1970-2018
Crescono in media del 5% nel 2018 le compravendite immobiliari residenziali, nelle grandi città, nei capoluoghi di provincia e nei comuni minori italiani, rispetto all’anno precedente.
Ma l’andamento di compravendite e prezzi degli immobili non va ancora di pari passo: il dato medio nazionale segna infatti un calo dei valori dell’1,4%, con ribassi fino al 2,4% se si considerano le città minori (non capoluogo di provincia).

Nello specifico, Roma evidenzia un aumento percentuale tendenziale del 3% nel I trimestre 2018, tempi di vendita medi di 7 mesi ed uno sconto medio del 10% sul prezzo di vendita.

Continua la lettura

CBRE: investimenti immobiliari commerciali nel 2018 in flessione del 22% rispetto all’anno precedente

Nel 2018 gli investimenti nel settore immobiliare in Italia, pari a 8,856 miliardi, sono scesi del 22% rispetto al 2017, anno record per il comparto con oltre 11 miliardi investiti.
È quanto indicato in un report da CBRE (grande società commerciale al internazionale di servizi e di investimenti nel Real Estate), che annovera tra le cause della contrazione il clima di incertezza politica che ha accompagnato il Paese per buona parte dell’anno.

L’impennata dello spread ha avuto infatti evidenti ripercussioni nell’erogazione dei crediti che hanno a loro volta ritardato e bloccato alcune operazioni.
Le discussioni tra Roma e Bruxelles riguardanti la legge di bilancio avevano inoltre innescato un cambio delle aspettative per gli operatori esteri che ad oggi risultano ancora il motore di tale settore in Italia.

Continua la lettura

Mercato immobiliare: le province restano in crisi, mentre alcune metropoli chiudono il 2018 in ripresa

Per quanto riguarda i prezzi richiesti, il mercato immobiliare italiano viaggia a due velocità: da un lato le grandi città in un buono stato di salute che si traduce in prezzi tornati a salire, dall’altro le province ancora in sofferenza, soprattutto sul fronte della domanda.
Lo scenario è confermato dai dati dell’ultimo Osservatorio di Immobiliare.it sul mercato residenziale in Italia nel 2018.

Roma non segue ancora il trend di ripresa delle grandi città e, in un anno, i prezzi richiesti nella Capitale sono scesi ancora dell1,8%.

Se – a livello nazionale – dicembre si è concluso con un calo dei prezzi dello 0,8% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, le città con più di 250.000 abitanti vedono crescere le cifre richieste per le abitazioni dello 0,4%, contro una perdita di oltre l’1% per i centri più piccoli.

Continua la lettura