Investimenti immobiliari in Europa: il trend secondo i professionisti del settore

Roma-prospettive-di-investimento-dal-2000-al-2019
Molti intervistati dagli “Emerging Trends in Real Estate 2019″, pubblicato da PwC and the Urban Land Institute, rispondono che vorrebbero investire a Roma, citando il suo potenziale e la necessità di capitale, ma la visione prevalente è che la città richiederebbe molto lavoro ed è troppo imprevedibile.
La città non sta migliorando e non è aiutata dalla volatilità politica nazionale del Paese, che rappresenta il motivo per cui si trovi ancora una volta nella parte finale delle classifiche.

Roma occupa stabilmente, anche per questo, la 28esima posizione nell’elenco delle città europee più attrative per gli investimenti..

“Politicamente, la città è problematica”, dice un investitore italiano.
“A meno che la politica e l’approccio generale della città cambino, questo limiterà sempre l’afflusso di nuovi capitali. Non vedo un cambiamento strutturale molto presto, purtroppo.”

“Milano (20esimo posto) oggi è in forte espansione, mentre Roma sta soffrendo”, dice un altro Intervistato italiano. “Roma è più difficile, meno attraente del passato e, a dire il vero, difficile da leggere. La città è dentro disordini politici locali, ed è difficile capire quanto possa essere attrattiva oggi”.
Oltre a ciò, la situazione degli affitti uso ufficio è meno diversificata di altre grandi città, con una forte presenza di quelli occupati dell’amministrazione pubblica. “Non è stata una città facile per gli investitori. Ovviamente, se non ne conosci bene i risvolti è molto rischiosa.”

Non tutti sono scoraggiati, però.
Gli uffici centrali, hanno avuto rendimenti che offrono un premio di 50-75 punti base rispetto a Milano. E come destinazione turistica, Roma rimane il più grande mercato in Italia per gli Hotel, con il 20% del totale degli scambi nell’ultimo anno.

Nel dettaglio, le prime dieci posizioni della classifica sono occupate da: Lisbona, Berlino, Dublino, Madrid, Francoforte, Amsterdam, Amburgo, Helsinki, Vienna e Monaco.
A chiudere la classifica Istanbul (31esima), preceduta da Mosca (30esima).

Lisbona, che guida la classifica, ha fatto un vero e proprio balzo in avanti guadagnando ben dieci posizioni, grazie soprattutto alla qualità della vita e alla leadership politica.

Fonte: Emerging Trends in Real Estate® Europe 2019 – Creating an impact – A publication from PwC and the Urban Land Institute.


Precisazioni: il rapporto raccoglie le opinioni espresse da più di 800 professionisti immobiliari in Europa, provenienti da 22 Paesi.
The Urban Land Institute è uno dei maggiori enti no-profit di ricerca e consulenza, fondato nel 1938 e con circa 40.000 membri.
PricewaterhouseCoopers (nome commerciale PwC) è un network internazionale, operativo in 158 Paesi con circa 223.000 dipendenti, che fornisce servizi di consulenza e strategia in ambito legale e fiscale.