Compravendita delle Abitazioni: Roma +10,6% nel 2016, circa 30.000 transazioni

La città di Roma, che da sola rappresenta un terzo circa del NTN delle grandi città, registra un aumento del numero di compravendite del 10,6%.
Meno accentuato di altre grandi città, secondo il Rapporto Immobiliare 2017.

Questi i dati nel dettaglio:


Il taglio “Piccolo” (da 3 fino a 4 vani catastali – 25,9% dello stock immobiliare residenziale del Comune di Roma) risulta quello più venduto con 8.574 transazioni normalizzate (+4,0%).
Segue il Taglio “Medio” (da 5,5 fino a 7 vani catastali – 32,5% dello stock) con 7.763 transazioni (-0,7%), il Taglio “Medio piccolo” (da 4,5 fino a 5 vani catastali – 22,6% dello stock) con 6.012 transazioni (+4,0%), il taglio Nd (non determinato nella consistenza) con 2.881 transazioni, il Taglio “Grande” (maggiore di 7 vani catastali – 11,9% dello stock) con 2.533 (+14,3%) ed infine i “Monolocali” (fino a 2,5 vani catastali – 7,2% dello stock) con 2.490 transazioni (+9,9%).
Per un totale di 30.253 transazioni normalizzate nel 2016.

Continua la lettura

Compravendita delle Abitazioni: circa 534.000 nel 2016, +18,9% rispetto all’anno precedente

Nel 2016 il mercato immobiliare delle abitazioni, dopo la lunga e ripida discesa osservata dal 2007, sembra essere tornato su un sentiero di crescita, confermando e superando il dato positivo dell’anno precedente.
Le unità abitative compravendute, in termini di NTN, raggiungono il livello di 533.741.

Questo uno dei dati presenti nel Rapporto Immobiliare 2017, dedicato al settore residenziale, che l’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate (OMI) in collaborazione con l’Associazione Bancaria Italiana, presenta annualmente al fine di approfondire il consuntivo dell’anno precedente (2016) relativamente al mercato immobiliare delle abitazioni.

Continua la lettura

MUTUI: leggera discesa del tasso dei finanziamenti

Sulla base degli ultimi dati ufficiali relativi a febbraio 2017, si conferma la ripresa del mercato dei mutui, inizialmente colta con l’impennata dei nuovi mutui.
Secondo l’ultimo Rapporto mensile dell’ABI, l’ammontare totale dei mutui in essere delle famiglie ha registrato una variazione positiva di +2,3% rispetto a febbraio 2016, quando già si manifestavano segnali di miglioramento.

Il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni si è attestato al 2,13%, (2,16% a febbraio 2017, 2,02% a dicembre 2016 minimo storico e 5,72% a fine 2007).
Sul totale delle nuove erogazioni di mutui circa i due terzi sono mutui a tasso fisso.

Fonte: rapporto mensile ABI – aprile 2017

Mutui: si conferma la ripresa del mercato, con forte preferenza per il tasso fisso

A febbraio 2017 il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni si è attestato al 2,13% (2,08% a gennaio 2017, 2,02% minimo storico a dicembre 2016 e 5,72% a fine 2007).

Sul totale delle nuove erogazioni di mutui circa i due terzi sono mutui a tasso fisso.
Nell’ultimo mese la quota del flusso di finanziamenti a tasso fisso è risultata pari al 78,9% (77,9% il mese precedente; era 74,7% a dicembre 2016).
Questo quanto reso noto dall’ABI, Associazione bancaria italiana, nel “Monthly Outlook” di marzo 2017.

Sulla base degli ultimi dati ufficiali, relativi a gennaio 2017, si conferma la ripresa del mercato dei mutui.
L’ammontare totale dei mutui in essere delle famiglie ha registrato una variazione positiva di +1,9% rispetto a gennaio 2016 (quando già si manifestavano segnali di miglioramento).

Fonte: ABI Monthly Outlook – Economia e Mercati Finanziari Creditizi
– Marzo 2017

MUTUI: lieve rialzo dei tassi

Sulla base degli ultimi dati ufficiali del bollettino mensile dell’ABI, l’Associazione delle Banche Italiane, relativi a fine 2016, si conferma, anche per i finanziamenti in essere, la ripresa del mercato dei Mutui.
L’ammontare totale dei mutui in essere delle famiglie, ha registrato una variazione positiva di +1,9% rispetto a fine 2015, quando già si manifestavano segnali di miglioramento.

Il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni si è attestato al 2,10%, (2,02% a dicembre 2016, minimo storico e 5,72% a fine 2007).
Sul totale delle nuove erogazioni di mutui circa i due terzi sono mutui a tasso fisso.

Fonte: RAPPORTO MENSILE ABI – Febbraio 2017

ABI: in aumento i mutui alle famiglie, con preferenza per il tasso fisso

I tassi d’interesse sui mutui restano vicini ai minimi storici.
A novembre, sottolinea l’Abi nel rapporto mensile, il tasso medio sui nuovi prestiti alle famiglie per l’acquisto di abitazioni si è attestato al 2,06%, in crescita dal 2,03% di ottobre ma non lontano dal valore record di settembre (2,02%).

Sul totale delle nuove erogazioni circa i due terzi sono a tasso fisso.

A ottobre l’ammontare complessivo dei mutui ai nuclei familiari ha segnato un +1,7% rispetto allo stesso mese del 2015, “quando già si manifestavano segnali di miglioramento”.

Fonte: italiaoggi.it – 21 dicembre 2016