ISTAT – II trimestre 2018: Pil +0,2% sul trimestre precedente e +1,1% tendenziale

Istat--prodotto-interno-lordo-dal-2006-al-secondo-trimestre-2018

Nel secondo trimestre del 2018 – secondo le stime preliminari – si stima che il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, sia aumentato dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dell’1,1% in termini tendenziali.

Nel secondo trimestre del 2018 la dinamica dell’economia italiana ha segnato un rallentamento, registrando un incremento inferiore a quello dei 6 trimestri precedenti.
La graduale decelerazione emersa nel periodo recente si riflette in un ulteriore ridimensionamento del tasso di crescita tendenziale che scende all’1,1%.

Continua la lettura

ISTAT: prezzi delle abitazioni in leggera diminuzione nel I trimestre 2018, ad eccezione delle nuove case

Indice-dei-prezzi-abitazioni-dal-primo-trimestre-2013-al-primo-trimestre-2018
Secondo le stime preliminari, nel primo trimestre 2018 l’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, sia per fini abitativi sia per investimento, diminuisce dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e dello 0,4% nei confronti dello stesso periodo del 2017 (era -1,2% nel quarto trimestre 2017).

La flessione tendenziale dell’IPAB è da attribuire esclusivamente ai prezzi delle abitazioni esistenti, che manifestano una variazione negativa pari a -0,8% (in attenuazione da -1,5% del trimestre precedente).
I prezzi delle abitazioni nuove, invece, accelerano su base tendenziale, passando dal +0,2% del quarto trimestre del 2017 al +1,3% del primo trimestre del 2018.

Continua la lettura

ISTAT: aumento di compravendite e mutui nel IV trimestre 2017

Grafico
Nel IV trimestre 2017 le convenzioni notarili di compravendite o relative ad atti traslativi a titolo oneroso1 per unità immobiliari (pari a 214.044) crescono del 2,1% rispetto al trimestre precedente (+2,5% il settore dell’abitativo e -3,1% il comparto economico).
In termini tendenziali le transazioni immobiliari aumentano complessivamente del 5,6% (il comparto economico +6,5%).

È quanto emerge dai dati relativi alle compravendite e mutui, pubblicati oggi dall’Istat.

Continua la lettura

ISTAT: prezzi delle abitazioni in leggera diminuzione tendenziale nel quarto trimestre 2017, con alcuni segnali di miglioramento

ISTAT - quarto trimestre 2018
Nel quarto trimestre 2017, secondo le stime preliminari, l’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, sia per fini abitativi sia per investimento, aumenta dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e diminuisce dello 0,3% nei confronti dello stesso periodo del 2016 (era -0,8% nel terzo trimestre).

La flessione tendenziale è dovuta al calo dei prezzi delle abitazioni esistenti (-0,5%, in attenuazione da -1,3% del trimestre precedente) mentre quelli delle abitazioni nuove rallentano, registrando una variazione nulla (da +0,5% del terzo trimestre).

Continua la lettura

ISTAT: mercato immobiliare stabile nel III trimestre 2017, con leggero miglioramento per il settore economico

Grafico2
COMPRAVENDITE DI UNITÀ IMMOBILIARI I trimestre 2010 – III trimestre 2017. Indice destagionalizzato (base 2006=100)

Nel terzo trimestre 2017 le convenzioni notarili di compravendita o relative ad atti traslativi a titolo oneroso per unità immobiliari (172.272) rimangono sostanzialmente stabili rispetto al trimestre precedente, risultano invariate per il settore dell’abitativo ed in aumento per quello economico (+4,3%).

Le dinamiche congiunturali risultano differenziate a livello territoriale: in crescita le Isole (+2,0%) e il Nord-ovest (+0,7%) per il settore dell’abitativo; il Sud (+15,8%), le Isole (+7,3%) e il Nord-ovest (+5,4%) per l’economico; in diminuzione il Centro in entrambi i settori (rispettivamente -1,0% e -3,2%).

Continua la lettura

ISTAT: lo stock abitativo ha avuto un incremento di valore del 76% tra il 2001 e il 2016.

L’Istat diffonde i dati riguardanti il valore delle principali attività non finanziarie detenute da Famiglie, Società e Amministrazioni pubbliche per gli anni 2005-2016.

Nel 2016 il valore dello stock di attività non finanziarie possedute dall’insieme dei settori istituzionali in Italia è pari a 9.561 miliardi di Euro.
Oltre l’84% dello stock di attività non finanziarie è costituto da immobili: quelli residenziali pesano per il 60%, mentre quelli non residenziali sono maggiori del 24%.

Le Famiglie detengono il 92% del valore del patrimonio residenziale complessivo. Lo stock abitativo è cresciuto in valore del 76% tra il 2001 e il 2016.

La discesa dei prezzi sul mercato immobiliare residenziale che si registra dal 2012 ha indotto una riduzione del valore medio delle abitazioni, con una conseguente contrazione del valore della ricchezza abitativa (-1,7% in media annua).
Nel 2016 la tendenza negativa è rallentata (-1,3%).

Continua la lettura