Nomisma: prezzi degli immobili in ripresa solo nel 2019

Ottimismo ma con il freno a mano tirato da parte di Nomisma nel valutare i positivi dati del mattone italiano nel 2016 e nell’azzardare ipotesi per il 2017.

E’ vero infatti che lo scorso anno si è chiuso con compravendite residenziali in netta crescita e con investimenti immobiliari nel settore corporate per 9,1 miliardi, pari al 3.6% del totale europeo, ma ciò non toglie che “la ripresa in atto presenti tratti di fragilità”, si legge nel primo Osservatorio sul Mercato Immobiliare 2017 di Nomisma presentato oggi a Milano presso Mediobanca.

Quali sono allora le previsioni? E quali i dubbi?
Partendo dal settore casa, dopo le 528.865 transazioni residenziali dello scorso anno, per il 2017 Nomisma prevede che il numero totale salirà a 565.391, per arrivare a quota 584.523 nel 2018 e recuperare finalmente quota 600 mila (616.513 per l’esattezza) l’anno successivo.

Continua la lettura

Nomisma: l’immobiliare prosegue la risalita, ma non nei prezzi

L’analisi del 3° Osservatorio Immobiliare 2016 di Nomisma, porta a determinare per l’intero 2016 un incremento dell’attivita’ transattiva nell’ordine del 12,3%.
A trainare e’ il settore residenziale, cresciuto del 23,3% negli ultimi tre anni, mentre per l’insieme degli immobili di impresa, l’aumento e’ stato piu’ contenuto e nell’ordine del 13%.

Alla base della crescita vi e’ la ripresa del canale creditizio: l’incidenza delle compravendite finanziate sul totale passa dal 44% del 2016 al 59,8% attuale.

Continua la lettura