Nella giungla dei regolamenti edilizi

Si aspettava per novembre il regolamento edilizio unico che avrebbe finalmente rappresentato la fine delle migliaia di differenze tra i documenti vigenti negli oltre 8.000 comuni italiani.
Eppure non ha ancora visto la luce quello che nell’agenda governativa era stato inserito come il lavoro della commissione Italia Semplice.

Effettivamente di semplice pare non ci sia ancora nulla. Un’interessante, a tratti esilarante, inchiesta del Corriere.it a firma, di Sergio Rizzo, racconta una delle tante facce dell’Italia dei paradossi, quella appunto dei regolamenti edilizi, diversi in ognuno dei comuni italiani.

Ciascun ufficio tecnico comunale ha stilato questi documenti nella più totale libertà ed è difficile individuare punti in comune, già a partire dal volume dei regolamenti.
Se a Napoli si contano 71 articoli e a Roma 95, si arriva a Catania con il record di 165.

Continua la lettura